03 giugno – ore 17.30 | Lo Smart Worker e l’identità professionale scolorita

03 giugno – ore 17.30 | Lo Smart Worker e l’identità professionale scolorita

Descrizione: Il focus di questo terzo appuntamento è il vissuto del lavoratore, tra differenze di genere e di età. Vogliamo quindi fornirvi strumenti di formazione (ma anche di e-coaching, e-mentoring…) per rafforzare e ri-innovare il set di competenze dello Smart Worker. Una percezione che in molti riferiscono infatti, anche in merito al lavoro a distanza durante questa emergenza, è la sensazione di sentirsi isolati e in questa particolare commistione di vita personale/familiare e attività lavorativa, quella che può perdere valore e colore è proprio la nostra identità professionale.

Tematiche:

  • Le persone e lo Smart Working: non scolorire l’identità professionale ed innalzare l’ingaggio motivante
  • Le 10 competenze che si allenano con lo Smart Working
  • Diversity management: Il modello per Fasi/Cicli di Vita la relazione età – genere nei processi di Smart Working
  • Identità e dintorni: le altre dimensioni psicologiche individuali da considerare per organizzare lo Smart Working (dal rischio di isolamento al workhaolism)

 

Durata: 45 minuti + Q&A

 

Ti sei perso il terzo appuntamento?

Clicca qui per vedere la registrazione.

 

Moderatrice:

 SUSANNA SUT – Founder di Trend, Consulente, Coach, Formatrice in ambito HR, cerca di valorizzare da sempre la mission personale ed aziendale di promuovere il “bene-stare” delle persone, attraverso lo sviluppo delle qualità proprie del potenziale umano.

 

 

 

Relatori:

 MARCELLA CHIESI – Coach, Consulente, Formatrice in ambito change e diversity management da sempre impegnata nella valorizzazione e inclusione di tutte le Risorse Umane. Esperienza di 10 anni sulla tematica dello Smart Working e Change Management.

 

 

 

 MARCO VITIELLO – Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni, specializzato da più di 20 anni in Formazione e Consulenza Organizzativa. Coordina il Network di Psicologia del Lavoro per l’Ordine degli Psicologi del Lazio, oltre ad essere docente per La Sapienza (scuola di specializzazione) e per Universitas Mercatorum.